Loc. Pineta Is Arenas 09070 Narbolia (Oristano) Sardegna - Italy

History

The story of Is Arenas
Forest to desert to forest again…

Over-grazing

Original duneland

Up until the 1700s, Is Arenas was a great Juniper and Holly Oak (Lecci) forest typical in the Mediterranean. From the early eighteenth century the area was used for a significant pasture of sheep and was subjected to considerable tree cutting; all this resulted in deforestation of the territory, giving rise to a desert of more than 3,000 hectares, the only desert in Italy. During this time, the wind shifted the sand, forming dunes of 50 m in height; These dunes have often blocked the traffic on a nearby state road and damaged the nearby cultivation of olive trees and fine grapes.

 

The beginning of a new forest…

The entire area remained a desert until the early 1950s, until a few years after the end of World War II. In the 1950s, the planting of a pine forest started, with investment from the Marshall Plan, funded mainly by the United States, to help areas most affected by the consequences of the World War, especially in areas of high unemployment. In this work, which had the purpose of protecting the sand dunes and safeguarding the land behind, approximately 1,500 workers labored for 10 years, planting over 5,000,000 Pine trees (Pinus Pinea). The Pine tree seedlings were protected by small artificial hedges and of Acacia saligna, which resisted winds and high summer temperatures, functioning to stabilize the soil and protect the pines in the early growth stage.

When I arrived at Is Arenas, in the second half of the 1970s, the forest was almost impenetrable and consisted of young, very small plants, a few inches apart, slender and filiform, with a height up to a maximum of 4/5 meters. The pine trees had been densely planted to withstand the wind and were struggling to survive; We immediately launched a large and ambitious forest management plan. Over the past four decades, working with the local community and forestry authorities, we have carefully managed the territory and cultivated the forest to achieve the high quality level and the panorama visible today.

40 years ago the Is Arenas forest consisted of only pine and acacia trees – weed essence – with the program of cleansing and thinning, we stimulated and accelerated the natural diversification of vegetation that occurs in a forest environment; We have enriching the native sandy soil with nutrients by deposited and dispersing the shredded residue of the plant cuttings. The cutting of Pine and Acacia trees has developed a layer of humus that has finally been able to support more species and varieties of vegetation including Cyst, Lentil and Juniper. This important layer of humus, which did not exist before our interventions, was crucial in the nutritional cycle and contributed to retaining the natural moisture; Through these vegetation evolutions, the high pH values ​​of the soil are being reduced. At present Is Arenas Forest is a complex network of systems, under constant and careful management aimed at restoring the historical natural conditions, which existed prior to deforestation.

Particularly important is the evolution of the Pine forest towards a jungle forest with contextual improvement of the landscape.

A welcome sign of a rich landscape:

Until the late 1970s, Junipers practically did not exist at Is Arenas. Following the forestry interventions described above, small Junipers began to reappear mainly in areas of Is Arenas without Pines and therefore, not in the shade. The success of such native Juniper resurgance can be attributed to the humus layer that we have developed through the forestry interventions of the first 10 years, and above all, the indigenous foxes acting as important agents in the propagation process. The fox eats Juniper berries that help there digestive system. After digestion of Juniper berries, the seeds are expelled in the large area frequented by foxes. For this reason, Is Arenas for many years was forbidden to hunt foxes. In return, the foxes have been able to spread the native Junipers into the forest. Today we can estimate there are – between large and small – more than 400,000 juniper plants in the Is Arenas pine forest. So the fox was an important agent in Is Arenas’ forestry evolution.

At present, and after 40 years of thinning intervention already accomplished, there are stil over 500,000 pine trees in the property. Further thinning is still needed to allow the Pines to fully develop and to favor both the germination and development of plants in the same family as well as evolution towards other species. Recently, following extensive studies and evaluations by forest experts, accompanied by specific environmental assessments for flora and fauna, a program has been put in place for eight years to further reduce the population of pines planted in the 1950s. And will complete their life cycle (120-150 years) towards the end of this century. The operation also has positive effects in terms of energy and the environment, as the plants that are cut down – which are the least promising – are being used to produce renewable bio-mass electricity, reducing emissions in the environment by replacing petroleum or coal products. The reduction of the Pines originally planted will also favor the development of indigenous vegetation, which will help the Pine forest, developing plants of different ages with successive cycles of life according to the diagram below:

The reduction of the Pines originally planted will also favor the development of indigenous vegetation, which will help the Pine forest, developing plants of different ages with successive cycles of life.

The forest will continue to evolve and in the future it will be different from today, dominantly composed of Junipers. The junipers will produce additional non-acid humus in the soil and therefore will further reduce the pH of the soil and this will facilitate the return of precious and classical Mediterranean plants in the landscape of Sardinia, even through artificial replanting.

In conclusion, due to the careful planning – supported by the tourist intervention that occupies a small part of the territory – and a consistent and careful management – and with the collaboration of indigenous foxes – Is Arenas will still be occupied by a forest of Junipers and Holly Oaks as it was 300 years ago.


Situation before interventions.

Situation before interventions


Situation after direction. Situation after direction.

Situation after direction

The evolution of the pines to juniper.

The evolution of the pines to juniper.

La pineta e il golf ai suoi bordi. La pineta e il golf ai suoi bordi.
La pineta e il golf ai suoi bordi.

Piero Maria Pellò

From the beginning of my association with Is Arenas, more than 40 years now, I have been resolute in protecting and preserving the natural ecosystem. On such a substantial and important property, this is a mission which involves many complexities; both political and technical.

When I first arrived to Is Arenas, there wasn’t any infrastructure (roads, energy, access, water, fire protection, etc.)  It was immediately apparent to me, we need a coprotection to this very important and sensitive landscape.  Our first efforts included a road system to provide access to all the property.  We developed a comprehensive and critically important fire protection system, and a complex network of access roads throughout the property.  Our early efforts included arranging for energy to be delivered to the property.  We have spent 40 years planning, working and investing to protect and enhance Is Arenas.  Today, everyone can enjoy this wonderful landscape.

Each day we work hard to provide our customers, guests and friends with the best possible experience.  Whether you come to Is Arenas to enjoy the forest, the beach the golf or just to relax and absorb the splendid nature and richness of the Sinis peninsula, we hope your experience will be truly memorable.

Is Arenas is a special place, with a storied past. But, each day is important and Is Arenas’ future is also our constant focus.  The future is bright.

I invite you to visit and experience Sardinia, the Sinis peninsula and particularly Is Arenas.mprehensive plan to provide access and

Sincerely,

Piero Maria Pello

 

Introduzione

A brief history of Is Arenas…

Over-grazing

Original duneland

Sino al 1700, Is Arenas era una grande foresta di ginepri e lecci tipici del Mediterraneo. A partire dai primi anni del XVIII secolo la zona è stata utilizzata per un rilevante pascolo di pecore ed è stata oggetto di notevoli tagli di alberi per prelevarne il legname; tutto ciò determinò una deforestazione del territorio dando origine a un deserto di oltre 3.000 ettari, l’unico deserto in Italia. Da allora il vento ha spostato la sabbia, formando dune di 50 m di altezza; queste dune sovente hanno bloccato la circolazione sulla vicina strada statale e hanno danneggiato le vicine coltivazioni di ulivi e di uve pregiate da vino.

The beginning of a new forest…

L’intera area rimase un deserto fino all’inizio degli anni 1950, cioè sino ad alcuni anni dopo la fine della seconda guerra mondiale. Negli anni ‘50 si avviò l’attività di piantumazione di una foresta di pini quale opera rientrante nel piano Marshall, finanziato soprattutto dagli Stati Uniti, per aiutare le zone più colpite dalle conseguenze della guerra mondiale soprattutto in territori di alta disoccupazione In tale opera – che aveva lo scopo di bloccare le dune di sabbia e di salvaguardare il territorio retrostante – furono coinvolti circa 1.500 lavoratori per 10 anni che hanno piantato oltre 5.000.000 di piantine di pino della specie “Pinus Pinea”, protette da piccole siepi artificiali, e di acacia saligna, essenza questa che resiste bene al vento e alle alte temperature estive e con funzione di stabilizzazione del suolo e di protezione dei pini nella fase di prima crescita.

Quando sono arrivato a Is Arenas, nella seconda metà degli anni ’70, la foresta era quasi impenetrabile e costituita da giovani piante molto fitte, a pochi centimetri l’una dall’altra, esili e filiformi, alte al massimo 4 / 5 metri. Gli alberi di pino erano stati densamente piantati per resistere al vento e stavano lottando per sopravvivere; abbiamo immediatamente avviato un piano di gestione forestale, ampio e ambizioso. Nei trascorsi quattro decenni, operando con la comunità locale e le autorità forestali, abbiamo gestito con cura il territorio e coltivato la foresta per ottenere l’elevato livello di qualità e il panorama visibile oggi.

40 anni fa in Is Arenas esistevano solo gli alberi di pino e di acacia – essenza infestante -mentre con il programma di pulizia e di diradamento, abbiamo stimolato e accelerato il naturale corso di diversificazione della vegetazione che si verifica in un ambiente forestale; abbiamo depositato, triturandoli, i residui delle piante tagliate arricchendo il suolo sabbioso di sostanze nutritive. Il taglio di alberi di pino e delle acacie, ha sviluppato uno strato di humus che è stato finalmente in grado di sostenere più specie e varietà di vegetazione tra cui il cisto, il lentischio e il ginepro. Questo importante strato di humus, che non esisteva prima dei nostri interventi, è stato fondamentale nel ciclo nutrizionale e ha contribuito a trattenere l’umidità naturale; attraverso queste evoluzioni vegetazionali si stanno riducendo gli alti valori del pH del suolo. Attualmente la foresta di Is Arenas è una rete complessa di sistemi, sotto costante e attenta gestione finalizzata a ripristinare le condizioni naturali storiche antecedenti alla deforestazione.

Particolarmente importante è l’evoluzione della pineta verso una foresta di ginepri con contestuale miglioramento del paesaggio.

A welcome sign of a rich landscape:

Sino alla fine degli anni ’70 praticamente i ginepri non esistevano a Is Arenas. A seguito degli interventi forestali precedentemente descritti, piccoli ginepri hanno cominciato a riapparire soprattutto nelle zone di Is Arenas con pini radi e quindi non all’ombra. La riuscita di successo di tali ginepri nativi può essere attribuita allo strato di humus che abbiamo determinato attraverso gli interventi forestali dei primi 10 anni, e, soprattutto, alle volpi indigene che agiscono come importanti agenti nel processo di propagazione. La volpe mangia le bacche di ginepro che aiutano il suo sistema digestivo. Dopo la digestione delle bacche di ginepro i semi vengono espulsi nell’ampio territorio frequentati dalle volpi . Per questo motivo fu proibita in Is Arenas, per molti anni, la caccia delle volpi. In cambio, le volpi sono riuscite a diffondere i ginepri nativi nella foresta. Oggi possiamo stimare che ci siano – tra grandi e piccole – più di 400.000 piante di ginepro nella pineta Is Arenas. Quindi, la volpe è stata un importante agente nell’evoluzione forestale di Is Arenas.

Allo stato attuale, dopo i diradamenti già fatti, ci sono oltre 500.000 alberi di pino nella proprietà che devono essere ulteriormente diradati per consentirne il loro pieno sviluppo e per favorire sia la germinazione e lo sviluppo di piante della stessa famiglia e sia l’evoluzione in atto verso altre specie. Recentemente, a seguito di approfonditi studi e valutazioni di esperti forestali, accompagnati da specifiche valutazioni ambientali anche per la flora e la fauna, è stato messo in atto un programma che si svilupperà in otto anni per ridurre la popolazione dei pini impiantati negli anni ’50 e che completeranno il loro ciclo di vita ( 120-150 anni) verso la fine di questo secolo. L’operazione ha anche positivi risvolti in termini energetici e ambientali in quanto le piante abbattute – che sono le meno promettenti – sono cippate e il relativo prodotto viene utilizzato per produrre energia elettrica rinnovabile da bio massa contenendo gli usi di prodotti petroliferi o di carbone con riduzione delle emissioni nell’ambiente. La riduzione dei pini originariamente piantati favorirà, come detto, anche lo sviluppo di soggetti autoctoni che quindi renderanno la pineta costituita da piante di diversa età con cicli di vita in successione secondo lo schema qui sotto riportato

The reduction of the Pines originally planted will also favor the development of indigenous vegetation, which will help the Pine forest, developing plants of different ages with successive cycles of life.

La foresta continuerà, quindi, ad evolvere e in futuro sarà diversa da quella di oggi con i ginepri che la domineranno. I ginepri apporteranno ulteriore humus non acido al suolo e, quindi, si ridurrà ulteriormente il pH del terreno e ciò potrà favorire il ritorno delle piante di leccio, pregiate e classiche del paesaggio della Sardegna, anche attraverso un reimpianto artificiale.

In conclusione per effetto di un’attenta pianificazione – sostenuta anche dall’intervento turistico che occupa una porzione ridotta del territorio – e di una gestione coerente e attenta – e con la collaborazione utile delle volpi indigene – Is Arenas sarà ancora occupata da una foresta di ginepri e lecci come lo era 300 anni fa.


Situation before interventions.

Situazione prima del diradamento


Situation after direction. Situation after direction.

Situatzione dopo il diradamento

The evolution of the pines to juniper.

L’evoluzione della pineta verso il ginepreto.

La pineta e il golf ai suoi bordi. La pineta e il golf ai suoi bordi.
La pineta e il golf ai suoi bordi.

Piero Maria Pellò

Sin dall’inizio della mia attività in Is Arenas, oltre 40 anni fa, il mio obiettivo è stato quello di proteggere, nella sua evoluzione, l’ecosistema artificiale che ho trovato.

Le mie azioni, non facili da attuare, hanno implicato adeguati approcci non solo sotto il profilo tecnico ma anche sotto quello politico con il territorio circostante.

Quando sono arrivato per la prima volta a Is Arenas, nell’anno 1977, non vi era nella pineta alcuna infrastruttura tipo strade, energia elettrica, risorse idriche, sistemi di prevenzione incendio, ecc. Mi fu immediatamente chiara la necessità di operare in sinergia con gli Enti preposti alla gestione di un territorio particolarmente complesso e sensibile.

I miei primi sforzi sono stati orientati ad assicurare un piano organico di interventi forestali con un contestuale sistema viario forestale all’interno della proprietà per sopperire sia alle esigenze di manutenzione e di evoluzione della foresta e sia a quelle della protezione antincendio.

Ho dedicato 40 anni di impegnativa attività per pianificare ed attuare un progetto atto ad assicurare un futuro ad Is Arenas sotto il profilo dell’evoluzione del suo ecosistema che, essendo artificiale, necessita del continuo intervento manutentivo. Inoltre, ho promosso la sua fruibilità ordinata atta ad assicurarne la conservazione con le risorse necessarie ritraibili da una parziale fruizione turistica.

Con la collaborazione di molte persone ho lavorato in modo impegnativo per molti anni e mi fa piacere che, oggigiorno, chi viene ad Is Arenas possa trascorrere delle belle giornate di soggiorno, in relax e tranquillità, godendo della foresta, della spiaggia, del golf ed utilizzando le strutture ricettive della pineta di Is Arenas come base per la scoperta del territorio del Sinis ricco di giacimenti storici, culturali, naturali……. ed anche enogastronomici.

Ritengo Is Arenas un posto magico ed auspico che ogni visitatore lo possa apprezzare frequentandolo con rispetto per il lavoro e l’impegno che tante persone hanno dedicato per molti anni.

Con viva cordialità.

Piero Maria Pello